A novembre cala la libido

A Novembre Cala La Libido

Con l’autunno e l’avvicinarsi delle festività natalizie e del Capodanno ci si sente un po’ spenti, meno attivi e decisamente più apatici. Questo calo psicofisico può incidere anche nella sfera sessuale: secondo diversi studi infatti pare che a novembre cala la libido. Ma perché succede? E soprattutto, come porvi rimedio?

Il covid ha messo a dura prova la libido

Secondo gli studi è fisiologico un calo del desiderio sessuale in autunno, come vedremo di seguito è per questo che a novembre cala la libido. Questo poi è un periodo storico particolare, in cui la libido è stata già messa a dura prova per via della pandemia globale che ha cambiato le nostre vite. Sono stati fatti degli studi su questi, dai quali è emerso che il Covid ha causato un repentino calo del desiderio sessuale nella maggior parte degli individui.

Le principali cause che hanno portato a questo calo nel periodo della pandemia troviamo:

  • la presenza di familiari (o bambini) in casa 24 ore su 24. Con tutti sempre presenti in casa è difficile trovare spazio e modo di avere intimità con il partner. Questo ha inciso sulla qualità del sesso, e sulla frequenza dello stesso.
  • i single si sono dati poco da fare, anche per paura di incontrare sconosciuti rischiare un contagio.
  • a livello psicologico questo distanziamento ci ha portato a chiuderci di più in noi stessi, sacrificando i rapporti sociali.

Lo stato generale di apatia, depressione e ansia per il futuro si è aggiunta a questi fattori, incidendo drasticamente sulla nostra voglia di sperimentare e abbandonarci a pratiche sessuali. Per assurdo durante il lockdown si sono registrati aumenti di traffico sui siti pornografici, e quindi un’impennata delle pratiche di masturbazione, ma al tempo stesso è calata la frequenza con la quale le coppie praticano sesso.

A novembre cala la libido: perché?

Come abbiamo anticipato è un dato di fatto che a novembre cala la libido. Ci sono diverse ragioni che giustificano questo ammanco, tra cui il fatto che le giornate si accorciano e che la presenza del sole è meno durevole. Infatti secondo uno studio è proprio la luce solare a influenzare la produzione di determinati ormoni, quali le endorfine per esempio, che sono connessi in qualche modo alla voglia di fare sesso. Anche la dopamina, una sostanza che ci dà piacere e ci fa sentire innamorati, risulta scarseggiante quando il sole non brilla in alto nel cielo. Più in generale possiamo dire che la malinconia che l’inverno porta con sé, e l’accorciarsi delle giornate, influiscono negativamente sul nostro appetito sessuale.

A novembre cala la libido, e ci sentiamo di malumore o angosciati: le giornate ci sembrano più corte, e abbiamo la sensazione di non riuscire a fare tutto. La regolazione della serotonina – responsabile della stabilizzazione dell’umore – viene influenzata dalla quantità di ore di luce alle quali siamo esposti.

Altri fattori che fanno calare il desiderio

Non è solo l’assenza del sole e la melancolia dell’inverno a far calare il desiderio: ci sono altre cause scatenanti che contribuiscono a questo stato di apatia.

  • fattori biometrici sono quelli legati alla salute e al benessere generale dell’individuo
  • Per fattori socioculturali si intendono tutti quei messaggi e imposizioni sociali, dettati dalla società in cui viviamo, che ci dicono cosa un uomo o una donna dovrebbe fare – sessualmente parlando
  • Esperienze negative, brutti ricordi legati a un rapporto sessuale, o la scarsa abilità del partner a farci godere sono da considerarsi fattori psicologici
  • Infine entrano in gioco i fattori relazionali, quali la percezione che abbiamo della nostra immagine, i conflitti con noi stessi, il livello di intimità col partner e la libertà di espressione che avvertiamo con lo stesso.

Mantenere sempre alto il desiderio sessuale, specie nelle coppie di lunga data, è difficile tutto l’anno!

La sfida alla castità lanciata sui social

Nel mese di novembre la passione viene accantonata, a tal punto che è stata lanciata una sfida per mantenere la castità durante il mese in questione. Mentre i più fedeli religiosi si preparano al digiuno in vista delle feste di Natale, altri hanno ben pensato di applicare queste restrizioni in ambito sessuale! Questa sorta di digiuno diventa una vera e propria challenge, ossia una sfida, lanciata sui maggiori social network. Possono parteciparvi tutti, uomini e donne, single, poliamorosi e fidanzati – di ogni fascia di età. Se vuoi partecipare alla sfida dovrai interrompere le tue attività sessuali, anche quelle che riguardano la masturbazione e l’autoerotismo.

La sfida è stata lanciata con l’hashtag “NNN”, abbreviazione di “No Nut November”. Fa riferimento quindi a 30 giorni di astinenza, dal primo al trenta del mese.

Ad oggi già mezzo milione di utenti partecipa alla challenge, reprimendo i propri impulsi sessuali per un lasso di tempo prolungato. Alcuni dichiarano di aver aderito per migliorare la propria energia e forza fisica, il benessere psicologico e persino la concentrazione. Tuttavia non esistono studi o tesi scientifiche che gli danno ragione, anzi! Praticare sesso, in coppia o meno, apporta una miriade di benefici – anche per quanto riguarda la complicità e l’intesa tra i due partner.

A novembre cala la libido? Ecco come ritrovarla!

A Novembre Cala La Libido

Se avverti anche tu un incessante calo della tua libido, e vuoi porre rimedio a questo, puoi incrementare il desiderio sessuale con piccoli trucchetti e stratagemmi. Sfrutta per esempio degli afrodisiaci, ovvero delle sostanze che si pensa possano aumentare l’eccitazione. Assumendo sostanze afrodisiache, che possono essere integratori o cibi per esempio (conosciamo tutti l’esempio delle ostriche!), possiamo sentirci più predisposti all’atto sessuale. In realtà il 90 % del ruolo lo svolge il nostro cervello, che una volta a conoscenza delle proprietà di tali sostanze, ci mette nella condizione di ricevere al meglio gli stimoli esterni. In sostanza gli afrodisiaci fungono da effetto placebo, ma possono essere utili a sbloccarci se il nostro calo è dato da un fattore psicologico.

Anche se probabilmente si tratta più di una suggestione psicologica che di un fattore scientifico, tentar non nuoce.

Alcune sostanze o pietanze vengono considerate afrodisiache per gli effetti che possono avere sugli organi sessuali. Si tratta di cibi o integratori che aumentano e migliorano la circolazione sanguigna. E quindi, sia gli organi maschili che quelli femminili, sono ben predisposti all’atto di accoppiamento. Gli uomini avvertono una maggiore eccitazione e forza della stessa, e le donne si lubrificano meglio – e sono più sensibili al piacere.

A novembre cala la libido? Alcuni consigli pratici

Oltre agli afrodisiaci, puoi provare:

  • A introdurre nuove pratiche sessuali nella tua routine. Dai libero sfogo alla tua creatività e fantasia, e realizza quello che più ti stuzzica!
  • Cerca di “sforzarti” a iniziare: l’appetito vien mangiando! Lasciati andare e inizia a fare più sesso: gli ormoni prodotti durante l’atto, sono gli stessi che regolano il desiderio sessuale
  • Usa sex toys o altri giochi per aggiungere un po’ di pepe in camera da letto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Apri chat
Hai Bisogno di aiuto?
Ciao ✋
Sono qui se hai delle domande...