Cos’è l’eiaculazione precoce

Cose Leiaculazione Precoce | Sexy Shop Online | Àmanthy

Cos’è l’eiaculazione precoce

Cos’è l’eiaculazione precoce… questo è un argomento complesso e, quindi, ho riflettuto molto sull’opportunità di scrivere un post al riguardo.

Questo argomento ha diverse linee di lavoro e questioni controverse e, poiché non sono né un medico né un terapista sessuale, la possibilità di commettere un errore sarebbe molto alta.

Tuttavia, allo stesso tempo, facendo ricerche e parlando con esperti sull’argomento, ho potuto vedere quanto il tema sia rilevante per l’obiettivo principale di questo blog e l’importanza di toccare questo tema.

Il motivo fondamentale è il fatto che c’è ancora poco di cui parlare sulla questione e, soprattutto, perché quando si parla si commette l’errore di considerare l’argomento come una cosa minore o poco importante.

Questo non rispecchia la realtà.

Quindi, leggi attentamente questo post e considera la questione estremamente importante, poiché questo problema affligge molti uomini in tutto il mondo.

Uomini che, imbarazzati a toccare l’argomento, preferiscono soffrire da soli, collezionando sconfitte personali, il che li spinge solo in una situazione di dolore e solitudine.

E se conosci qualcuno che sta vivendo un problema di eiaculazione precoce oggi, sostieni, guida e invia questo post per aiutarlo a capire meglio l’argomento e, principalmente, in modo che possa capire che ci sono modi per migliorare questa situazione.

Ma allora, cos’è l’eiaculazione precoce?

L’eiaculazione precoce è una disfunzione sessuale maschile più comune dell’impotenza.

Secondo gli esperti, si stima che da qualche parte tra il 20 e il 30% della popolazione maschile mondiale soffra di questo problema a un certo punto della propria vita.

Alcuni per tutta la vita.

Per quanto riguarda la popolazione maschile Italiana, i dati riportano qualcosa come il 25%.

In altre parole, 1 uomo su 4 attraversa o ha avuto problemi come questo.

L’International Society for Sexual Medicine definisce l’eiaculazione precoce come una condizione caratterizzata da eiaculazione che si verifica sempre, o quasi sempre, prima o entro 1 minuto dalla penetrazione vaginale.

Cioè, a volte anche prima che inizi, è finita.

Ipersensibilità o instabilità emotiva?

Il terapista sessuale americano Ian Kerner, autore di diversi libri sull’argomento, sottolinea che molti ritengono che questo sia un problema che colpisce solo i giovani e che, con il tempo e l’esperienza, il problema scomparirà.

Tuttavia, la realtà è che molti uomini ne soffrono per tutta la vita e, per paura di esporsi al ridicolo, evitano di parlare dell’argomento, spesso soffrendo da soli.

Il dottor Kerner ritiene che ciò potrebbe essere correlato alla genetica o direttamente a un’ipersensibilità dei nervi del pene, portando la questione su un lato più fisiologico.

La dottoressa americana Madeleine M. Castellanos,

specialista in terapia sessuale, afferma che gran parte del problema in relazione all’eiaculazione precoce è associata al miglioramento e alla qualità dei suoi pensieri.

Cioè, la relazione del problema può essere direttamente collegata a quella emotiva.

Il dottor Castellanos ritiene che quando gli uomini hanno pensieri positivi, pieni di erotismo e liberi da ansie, hanno maggiori probabilità di superare il problema dell’eiaculazione precoce.

Cos’è l’eiaculazione precoce Il controllo dell’ansia può essere la chiave del problema …

Nonostante le opinioni centrali opposte, entrambi i medici concordano sul fatto che una buona parte del problema può essere correlata all’ansia e ad una grande preoccupazione per soddisfare l’altro.

Prima, molti uomini eterosessuali non erano interessati al piacere femminile, trasformando le donne in semplici assistenti nel rapporto a due.

E ci sono diverse ragioni sociologiche per questo e non è consigliabile discuterne qui, in quanto non è l’obiettivo di questo post.

Tuttavia, per molti anni, è stato “insegnato” questo.

Il mondo è cambiato e oggi le donne sono sempre più alla ricerca del piacere e non accettano altro posto che l’uguaglianza nella società, così come nel rapporto di coppia.

Ciò ha forse provocato una sensazione di ansia negli uomini e una naturale preoccupazione per la soddisfazione delle donne (che, da questo punto di vista, sarebbe una sorta di “novità” per gli uomini).

Storie vere per aiutarci a capire un po ‘meglio il problema dell’eiaculazione precoce.

Tuttavia, resta ancora molto da discutere su ciò che causa questa sensazione di ansia negli uomini, causando loro l’eiaculazione precoce.

Durante il processo di scrittura di questo post, ho intervistato alcune persone e alcune di loro hanno segnalato i loro problemi in quest’area. Queste persone non si sono preoccupate di rivelare i loro problemi di eiaculazione precoce, contribuendo molto a quest’articolo

Cambiamo solo i nomi per mantenere la loro privacy.

Thiago Zado,

ci ha detto che all’età di 19 anni usciva con una ragazza più esperta in questioni sessuali, e che lei era sempre entusiasta del fatto che lui non avesse il controllo al momento del sesso e raggiungesse sempre l’orgasmo per primo.

Questo gli ha portato un’immensa frustrazione come uomo ma, allo stesso tempo, lo ha reso un genio del sesso orale.

– Ho scoperto che facendola raggiungere per prima l’orgasmo, lei in realtà ha ringraziato Dio che io sia arrivato  velocemente dopo, e di non essere rimasta in attesa per lunghi minuti.

E, allo stesso tempo, mi ha aiutato a bilanciare un po ‘di più il rapporto per entrambe le parti, dice Thiago Zado.

Lo scenario esposto da Thiago potrebbe essere qualcosa di naturale se non fosse per il fatto che ha quasi 40 anni e soffre ancora dello stesso problema dell’eiaculazione precoce.

 Un altro intervistato che ha segnalato problemi di eiaculazione precoce nell’adolescenza,

ha affermato di essere riuscito a gestire meglio i suoi impulsi grazie a molti esercizi di controllo mentale, oltre agli esercizi per controllare l’eiaculazione.

 Jacinto Leite ci ha detto che la sua più grande difficoltà era l’ansia che provava ogni volta che sapeva di poter avere la possibilità di fare sesso con la partner.

Questo gli ha incasinato così tanto la testa che ha avuto enormi difficoltà a controllarsi, eiaculando non appena ha introdotto il suo pene.

– L’ansia mi consumava e mi rendeva nervoso, facendomi avere orgasmi all’inizio della relazione, frustrando e ponendo fine al momento.

Ho cercato aiuto da terapisti sessuali che mi hanno insegnato a concentrarmi, facendo vari esercizi tantrici, di meditazione e di masturbazione. Questo ha cambiato la mia vita, dice Jacinto Leite.

Ma cosa c’entra questo con la masturbazione?

La masturbazione è un’espressione della sessualità, che inizia nell’adolescenza e si mantiene per un lungo periodo della nostra vita.

Ma, oltre ad essere solo una fonte di soddisfazione, la masturbazione è anche una fonte di conoscenza di sé, rendendola essenziale per controllare l’impulso del piacere.

E, a differenza di ciò che molti pensano, la masturbazione può essere associata in alcuni casi, all’eiaculazione precoce quando nella storia della persona c’è uno schema regolare di esecuzione della masturbazione in fretta e paura di essere scoperti.

Questo può portare a una risposta all’incontinenza eiaculatoria, favorendo l’eiaculazione precoce.

Cos’è l’eiaculazione precoce Renditi conto dell’importanza della masturbazione

nella vita dei giovani e di quanto possa influire sul futuro delle loro esibizioni e sulla loro soddisfazione come persone sessualmente soddisfatte.

La libertà di parola e la conoscenza di sé sono parti essenziali del normale sviluppo degli esseri umani.

Cioè, indipendentemente dal fatto che siano madri o padri, lascia che i tuoi figli si masturbino in pace.

Liberati da credenze o dogmi e resta fedele alla realtà e ai dati reali, scientifici e comprovati.

Masturbarsi regolarmente può aiutarti ad acquisire una maggiore conoscenza del tuo corpo e identificare i livelli di eccitazione, portando un maggiore controllo quando si tratta di sesso.

E questo, ovviamente, porterà maggiore felicità e appagamento nelle tue relazioni.

Quindi, l’eiaculazione precoce ha un trattamento?

Sì. Ma il principio del trattamento è l’accettazione del problema e la comprensione della necessità di chiedere aiuto.

Il mancato trattamento può portare una sensazione di angoscia e dolore, lontano da possibili relazioni con i coetanei. Inoltre, quando sei in una relazione, non accettare e trattare il problema genererà solo sofferenza per la coppia e, con ciò, frustrazione in entrambi, porterà infelicità.

Attualmente, ci sono diversi modi per trattare questo problema e, come affermato, molti studi sottolineano che il problema potrebbe avere una connessione diretta con l’emotività.

Quindi, uno dei modi è attraverso psicologi, psichiatri, terapisti, sessuologi che possono guidarti negli esercizi di concentrazione emotiva in modo che, con questo, inizi a controllare meglio il modo in cui vedi la questione della sessualità con te stesso e il tuo partner.

Esistono anche esercizi di fisioterapia pelvica che possono aiutare molto a migliorare il problema,

aiutando i muscoli del pavimento pelvico maschile.

Attualmente, diversi fisioterapisti si stanno concentrando su questo settore, che attualmente è in piena crescita, proprio perché gli uomini parlano più apertamente dei loro problemi e delle loro difficoltà.

E ci sono esercizi legati alla masturbazione che possono aiutare anche nella questione dell’eiaculazione precoce, facendoti avere rapporti sempre più lunghi.

Questi esercizi non sono solo per coloro che possono avere questo tipo di problema, ma per tutti coloro che vogliono avere un maggiore controllo dei propri “strumenti”.

Attraverso questi esercizi è possibile controllare meglio il tempo del rapporto, oltre a quando e come, si vorrà arrivare all’eiaculazione e all’orgasmo.

E ci sono anche il gel ritardante (o prolungatore dell’erezione) che può aiutarti a controllare meglio l’eiaculazione precoce, prolungare la tua notte e il tuo piacere, così come quello del tuo partner.

Lascio qui un consiglio, prova i RITARDANTI

È possibile controllare l’eiaculazione?

Sì, è possibile controllare l’eiaculazione e l’orgasmo.

Non è né leggenda né folclore.

E non devi nemmeno essere un maestro Jedi per farlo.

Oppure usa il trucco di immaginare un vicino anziano ogni volta che fai sesso.

Sì, ci sono diversi esercizi per ottenere l’illuminazione eiaculatoria.

E questo non si applica solo alle persone che hanno l’eiaculazione precoce.

Questo può aiutare chiunque desideri avere il controllo reale del proprio strumento.

Ciò che funziona per una persona, potrebbe non funzionare per un’altra.

Ecco perché è così importante che tutti conoscano il proprio corpo e conoscano il modo migliore per ottenere la propria realizzazione sessuale. Per questo, ci sono diversi esercizi per controllare l’eiaculazione e parliamo un po ‘di alcuni di questi esercizi.

Ma prima definiamo alcuni termini, capiamo la loro importanza in termini di autocontrollo e vediamo anche con alcuni intervistati un po ‘delle loro esperienze.

Cominciamo definendo e separando l’orgasmo dall’eiaculazione.

Sì, sono totalmente diversi.

Molte persone pensano che sia la stessa cosa, o che siano direttamente connesse e che l’una non possa verificarsi senza l’altra.

E questo non è reale.

L’eiaculazione e l’orgasmo sono cose diverse e possono accadere in momenti diversi.

Cioè, per controllare entrambi, l’ideale è fare questa separazione nella tua mente, anche se di solito vanno insieme.

L’eiaculazione è l’azione fisiologica che rilascia lo sperma, una risposta meccanica del corpo, dove si verificano le contrazioni muscolari, provocando la fuoriuscita del seme.

Può avvenire attraverso la stimolazione sessuale individuale (masturbazione) o attraverso il rapporto sessuale con un partner.

E può anche verificarsi involontariamente, attraverso il sonno notturno.

Il più delle volte arriva con l’orgasmo, ma questa non è una regola.

L’orgasmo, a sua volta, è il risultato di diverse reazioni fisiche e neurologiche, che termina un ciclo di risposta sessuale che culmina nel picco del piacere.

Di solito dura pochi secondi e porta un intenso carico di piacere e relax.

Storie di persone che hanno imparato a separare e controllare l’eiaculazione e l’orgasmo!

Botelho Carvalho Grande, uno dei nostri intervistati, ci racconta che fin da piccolo ha imparato a controllarlo e separarlo nella sua mente e che ciò è avvenuto principalmente a causa del bisogno che sentiva di rimanere eretto più a lungo nei suoi rapporti sessuali, per portare più piacere alla suapartner. –

Una volta ero così eccitato per la mia partner che sapevo che quando avrei  penetrato avrei dovuto eiaculare un po ‘, per alleviare la pressione. Così facendo, la mia  compagna ha sentito l’eiaculazione e mi ha chiesto se “fossi già venuto”, in tono ironico, come se volesse sminuirmi in qualche modo.

Ero categorico: ho solo eiaculato.

Possiamo continuare senza problemi, ha detto Botelho.

– Ho fatto in modo che imparasse a non usare mai un tono ironico in nessuna circostanza, riguardo all’eiaculazione precoce.

So come controllare bene … ma so che ci sono persone che non lo fanno.

Possiamo vedere qualcosa di simile con un altro intervistato, secondo la sua testimonianza.

– Posso dire che controllo totalmente il mio corpo e posso restare finché voglio fare sesso.

A volte in un singolo rapporto, riesco a eiaculare fino a 3 volte e avere un orgasmo solo una volta, quando finisco davvero, ci ha detto Simas Turbano.

Seamus è un altro esempio del fatto che a controllare tutto nel tuo corpo è la tua mente e, una volta che lacontrolli, tutto è possibile.

Pexels Maria Orlova 4969860 Scaled 1 | Sexy Shop Online | Àmanthy

Per questo, ci sono diversi esercizi di masturbazione che possono aiutarti a raggiungere l’illuminazione eiaculatoria.

Esercizi di masturbazione per aiutarti a ottenere l’illuminazione eiaculatoria!

1. Esercizi di respirazione

Libera la tua immaginazione nell’atto della masturbazione ma, insieme ad essa, cerca di prestare attenzione alla tua respirazione e di lavorare bene sia la presa d’aria (inspirazione) che l’uscita d’aria (espirazione).

Prestando attenzione alla respirazione, distogli un po ‘la mente dall’obiettivo finale, l’orgasmo, oltre a ossigenare meglio il tuo corpo, che ti aiuta a diventare più cosciente durante l’atto, oltre ad aiutare il sangue a circolare meglio.

2. Fermati e ricomincia

Questa è una tecnica che consiste nel masturbarsi per 5 giorni consecutivi, fermandosi sempre prima dell’orgasmo. Cioè, ti stimolerai finché non ti avvicinerai molto all’orgasmo, fermandoti prima.

Ogni volta che raggiungi l’orgasmo, fermati prima.

Aspetta che la giromba si rilassi e ricominci da capo. Fallo per circa 10 minuti. È estremamente importante che durante i 5 giorni di questo esercizio non si raggiunga l’orgasmo.

Solo il sesto giorno ripeterai l’esercizio e, al termine dei 10 minuti, potrai raggiungere l’orgasmo e liberare tutto ciò che è contenuto in te.

Fai questo esercizio tutte le volte che vuoi, finché non capisci che ti ha aiutato.

L’idea alla base di questa tecnica è quella di farti acquisire un maggiore controllo del tuo pemba, facendoti dissociare il piacere della relazione stessa (durante), con l’orgasmo (alla fine).

3. Avvio e arresto

È una tecnica che mira anche all’autocontrollo attraverso esercizi graduali.

Dividerai l’evoluzione di questo esercizio in passaggi sequenziali.

Andrai solo al secondo passaggio, dopo aver completato correttamente il primo passaggio. Nella prima fase, la masturbazione deve avvenire senza alcun tipo di “aiuto” nelle mani.

Cioè, avverrà con una mano completamente asciutta e farai solo 3 movimenti avanti e indietro nel tuo pemba verticale. Dopo i 3 movimenti, fermati per 3 secondi e fallo di nuovo.

Ripeti il ​​processo 10 volte.

Passerai alla seconda fase dell’esercizio solo quando sarai in grado di completare 10 ripetizioni (di 3 movimenti con un intervallo di 3 secondi) senza avere un orgasmo.

Il secondo passaggio consiste nel ripetere l’intero processo del primo passaggio, ma ora con 5 movimenti avanti e indietro, seguiti da una pausa di 3 secondi.

Andrai alla terza fase dell’esercizio solo quando sarai in grado di completare 10 ripetizioni (di 5 movimenti con un intervallo di 3 secondi) senza avere un orgasmo.

Il terzo passaggio consiste nel ripetere l’intero processo del secondo passaggio, ma ora con 7 movimenti avanti e indietro, seguiti da una pausa di 3 secondi.

Andrai alla quarta fase dell’esercizio solo quando sarai in grado di completare 10 ripetizioni (di 7 movimenti con un intervallo di 3 secondi) senza avere un orgasmo.

Dalla quarta fase, aggiungeremo un lubrificante all’esercizio in modo da avvicinarci alla sensazione che abbiamo durante la penetrazione durante l’atto sessuale. Quindi facciamo 7 movimenti avanti e indietro.

Dopo i movimenti, fermati per 3 secondi e fallo di nuovo.

Ripeti il ​​processo 10 volte.

4. Spremere e rilasciare

Questa è una tecnica che consiste nel masturbarsi e, quando sarai molto vicino all’orgasmo (ma non hai ancora avuto l’eiaculazione), strizzerai il glande , in 2 punti e il freno con un altro dito.

L’ideale è usare l’indice e il medio sulla testa del pene e il pollice sul fondo, sul freno.

Cioè, ti masturbi finché non ti avvicini molto all’apice, fermandoti prima dell’orgasmo e stringendo (senza ferire, ovviamente) il glande per alcuni secondi.

Dopodiché, rilascia, rilassati e ricomincia.

Fai l’esercizio alcune volte, prima di raggiungere effettivamente l’orgasmo.

Conclusione

Esistono anche diversi esercizi di pompirismo maschile, che consistono nel contrarre il pavimento pelvico (parte tra l’ano e lo scroto) in modo che, con questo, si possa ottenere un maggior controllo del proprio corpo.

Tuttavia, per gli esercizi di Kegel maschili ( è sempre consigliabile avere la guida di un terapista sessuale.

Quindi, se vuoi ottenere un maggiore controllo del tuo corpo, praticali.

Possono, infatti, aiutarti a capire meglio il tuo corpo e le tue reazioni, facendoti avere una maggiore autorità sui tuoi desideri durante i rapporti sessuali. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Apri chat
Hai Bisogno di aiuto?
Ciao ✋
Sono qui se hai delle domande...