IL MESE DEL PRIDE

Il Mese Del Pride

Perché giugno è il MESE DEL PRIDE? Qual è la sua origine e come viene celebrato?

Giugno è il MESE DEL PRIDE, quando le comunità LGBT del mondo si riuniscono e celebrano la libertà di essere.

Gli incontri intorno al Pride LGBT sono radicati nella faticosa storia dei gruppi minoritari che hanno lottato per decenni per superare i pregiudizi ed essere accettati per quello che sono.

Gli organizzatori originali hanno scelto questo mese per onorare la rivolta di Stonewall del giugno 1969 a New York City, un evento che ha contribuito a lanciare il moderno movimento per i diritti dei gay.

La maggior parte degli eventi Pride si svolge a giugno di ogni anno, sebbene alcune città tengano le loro celebrazioni in altri periodi dell’anno.

IL MESE DEL PRIDE Chi lo celebra?

Gli eventi LGBT Pride si rivolgono a chiunque senta che la propria identità sessuale non rientra nel mainstream, anche se anche molte persone eterosessuali si uniscono.

LGBT è un acronimo che sta per lesbiche, gay, bisessuali e transgender.

Il termine è talvolta esteso a LGBTQ, o anche LGBTQIA, per includere gruppi queer, intersessuali e asessuali.

Queer è un termine generico per persone non eterosessuali; l’intersessualità si riferisce a coloro il cui sesso non è chiaramente definito a causa di differenze genetiche, ormonali o biologiche; e asessuale descrive coloro che non provano attrazione sessuale.

Questi termini possono includere anche persone che sono fluide di genere o coloro la cui identità di genere cambia nel tempo o a seconda della situazione.

IL MESE DEL PRIDE Come è nato?

Nelle prime ore del 28 giugno 1969, la polizia fece irruzione nello Stonewall Inn, un bar gay situato nel Greenwich Village di New York, e iniziò a portare fuori i clienti.

La tensione è aumentata rapidamente quando i clienti hanno resistito all’arresto e una folla crescente di astanti ha colpito gli ufficiali con bottiglie e monete.

La comunità gay di New York, stanca di anni di molestie da parte delle autorità, è esplosa in rivolte di quartiere che sono durate tre giorni.

La rivolta è diventata un catalizzatore per un movimento emergente che lotta per i diritti dei gay quando sono state formate organizzazioni come il Gay Liberation Front e l’Alliance of Gay Activists, sul modello del movimento per i diritti civili e del movimento per i diritti dei gay.

I membri hanno organizzato proteste, incontrato leader politici e interrotto riunioni pubbliche per ritenere quei leader responsabili.

Un anno dopo le rivolte di Stonewall, si sono svolte le prime marce del Gay Pride del paese.

Nel 2016, l’area intorno allo Stonewall Inn, che rimane un popolare locale notturno, è stata designata un punto di riferimento nazionale.

IL MESE DEL PRIDE Da dove viene il nome Pride?

Brenda Howard, un’attivista bisessuale di New York soprannominata la “Mother of Pride”, è accreditata di aver organizzato la prima parata del Pride in occasione del primo anniversario della rivolta di Stonewall.

Qual è l’origine della bandiera arcobaleno?

Nel 1978, il supervisore della città di San Francisco Harvey Milk, uno dei primi funzionari eletti apertamente gay in America, incaricò l’artista e designer Gilbert Baker di realizzare una bandiera per le imminenti celebrazioni del Pride della città.

Baker, un noto attivista per i diritti dei gay, ha fatto un cenno alle strisce sulla bandiera americana, ma ha tratto ispirazione dall’arcobaleno per riflettere i numerosi gruppi all’interno della comunità gay.

Un sottoinsieme di flag rappresenta altre sessualità nello spettro, come bisessuali, pansessuali e asessuali.

Posso partecipare agli eventi de IL MESE DEL PRIDE se non sono LGBT?

Sì. Gli eventi Pride accolgono alleati esterni alla comunità LGBT. Sono occasioni per mostrare sostegno, osservare, ascoltare ed educare se stessi.

Eventi IL MESE DEL PRIDE

Scopri gli eventi su Roma Pride

 

Divulghiamo il documento politico del Roma Pride 2022

Noi siamo ovunque, sempre.

Nel Pride celebriamo la nostra essenza, i nostri corpi, la nostra voce e la nostra rivoluzione ostinata e gioiosa.

Da sempre lottiamo per abbattere i muri dell’oppressione, del silenzio, dell’invisibilità, della violenza dentro cui la storia patriarcale delle guerre e dell’ingiustizia ha per secoli tentato di rinchiuderci e cancellarci. Molto resta ancora da fare…

Il mondo attraversato dalla pandemia, la natura che reagisce all’arroganza dell’umanità e l’umanità stessa, che non ha mai smesso di sanguinare dalle ferite prodotte dalle armi e dall’iniquità, mettono di fronte ai nostri occhi e ai nostri cuori tutte le contraddizioni e gli errori di una cultura che esclude e che cancella.

Continua a leggere

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Apri chat
Hai Bisogno di aiuto?
Ciao ✋
Sono qui se hai delle domande...