Il piacere nelle donne come opera del male

Il Piacere Nelle Donne Come Opera Del Male

Il piacere nelle donne come opera del male

Il piacere nelle donne come opera del male La prima volta che viene dato un nome a una donna che pratica la magia: Hexe; che in tedesco significa strega o maga. Hexe non è l’inizio, ma piuttosto il nesso di tutto, dagli scritti su Lilith fino ai giorni nostri. È il dito che è stato puntato contro di noi insieme a una varietà di nomi nel corso dei secoli, che ha perseguitato, incolpato e condannato noi donne per ignoranza, invidia o entrambe. Per farsi arrestare sono bastate la conoscenza della sessualità, della riproduzione e di vari elementi naturali come minerali e piante, l’esercizio della propria libertà oltre la norma, o una semplice denuncia. L’interrogatorio è stato crudele. La prova, evidentemente inesistente. Le confessioni, false. La sentenza, rogo o, in un atto di pietà, la decapitazione.

Il piacere nelle donne come opera del male

Attraverso i secoli

Torniamo al XIV secolo. La parola strega (heexe) compare per la prima volta nel casellario giudiziario di Frevelbüchern, nella città svizzera di Sciaffusa nel 1368. Fino ad allora nessuna parola aveva individuato così ferocemente le donne come praticanti di magia. E, nonostante il fatto che nella Bibbia, in particolare nell’Antico Testamento, la magia fosse esplicitamente vietata, stabilisce la punizione per gli stregoni e afferma “Non lascerai vivere i maghi!” La parola strega non compare in nessuna delle storie bibliche.

Fu solo nel XV secolo che la caccia alle streghe fu coniata come termine. La convinzione che la stregoneria fosse il nuovo nemico della cristianità si diffuse in tutta l’Europa centrale. La differenza tra la magia e la stregoneria nominata nella Bibbia era il suo carattere diabolico. Il diavolo ha voluto porre fine al cristianesimo, e lo ha fatto, soprattutto, attraverso le donne sedotte dal male. Donne non pie che non si fermerebbero davanti a nulla per porre fine alla prosperità del cristianesimo con i loro poteri e incantesimi soprannaturali.

Il piacere nelle donne come opera del male

La storia si ripete

La donna come il male incarnato non è una novità. Personaggi come Lilith e Medusa, ma anche le vere donne accusate di stregoneria tra il XIV e il XVII secolo, ne sono una testimonianza. Qualsiasi segno di insurrezione, ribellione, gioia, o anche semplice conoscenza al di là delle presunte funzioni che le donne avrebbero dovuto svolgere nei diversi periodi storici, era sufficiente per considerarle cospiratrici del contrario del “bene”.

Il piacere nelle donne come opera del male

“Lilith non ha obbedito all’uomo, nonostante fosse sua pari, ed è stata punita”.
Lilith, secondo la religione ebraica, fu creata da Dio (Yahweh) nello stesso modo in cui fu creato Adamo. “Yahweh creò Lilith, la prima donna, come aveva creato Adamo, dalla terra e dalla polvere”. La figura di Lilith, già caratteristica della mitologia mesopotamica, fu adottata dagli ebrei e convertita nella prima moglie di Adamo. Adamo e Lilith erano uguali, creati dalla terra e dalla polvere, a immagine del loro creatore. Tuttavia, Adam voleva sdraiarsi sopra Lilith e lei si rifiutò di sottomettersi. Adam ha cercato di costringerla e Lilith, dopo aver rifiutato ancora una volta, è fuggita dal paradiso.

Il piacere nelle donne come opera del male

Una storia che molti di noi classificherebbero come abilitante, ma che finisce terribilmente per Lilith e dipinge un quadro lugubre del contesto di fondo. Lilith, che abbandona il paradiso per non sottomettersi agli ordini e ai desideri di Adamo, si ferma sulle rive del Mar Rosso, luogo infestato dai demoni e a loro si consegna con lussuria procedendo a dare alla luce numerose Lilim, demoni femminili nato da Lilith. Tre angeli vengono inviati da Dio a cercarla, ma lei rifiuta di tornare. Come punizione, Dio giura di uccidere cento dei suoi figli al giorno.

Il piacere nelle donne come opera del male

Lilith non ha obbedito all’uomo, nonostante fosse sua pari, ed è stata punita. Lilith non ha nemmeno infranto le regole, ha semplicemente messo in dubbio le decisioni del suo partner e ha preferito cercare altrove per il suo piacere. Per coincidenza, quel piacere si trovava anche dall’altra parte del “bene”.

Il piacere nelle donne come opera del male

Medusa ha avuto la stessa sorte. Figlia di Forci e Ceto, Medusa era la più bella delle Gorgoni e l’unica mortale. Tale era la sua bellezza che Poseidone ne rimase incantato, cercò di sedurla e infine la violentò nel tempio di Atena. A seguito di questa disgrazia, la dea della guerra decise di punire Medusa – non Poseidone – trasformandola in un mostro dai capelli di serpente dallo sguardo pietrificante. Non poteva più guardare un uomo senza ucciderlo. Ma da quel fatidico incontro tra Medusa e Poseidone iniziò una gravidanza, cosa che Atena non poteva permettere. Perseo fu chiamato ad uccidere il mostro che Atena aveva creato e, quindi, il bambino che stava portando. Con l’aiuto degli dei, Perseo decapitò Medusa e Atena usò la testa sul suo scudo da battaglia.

Il piacere nelle donne come opera del male

Proprio come nella mitologia e nel folklore, noi donne siamo ancora perseguitate, individuate e condannate quando viviamo liberamente e godiamo della nostra libertà, perché questa libertà non sempre alimenta il sistema. Nel 1973, Barbara Ehrenreich, saggista e attivista, e autrice di Deidre English, pubblicò un pesante opuscolo in cui proponeva l’idea che le donne perseguite attraverso la caccia alle streghe fossero in realtà guaritrici tradizionali, ostetriche o matrone, che venivano deliberatamente sterminate dal sistema sanitario patriarcale del mondo moderno. Un’altra delle teorie esposte ne Il ritorno delle streghe. L’incorporazione, i contributi e le critiche delle donne nella scienza, da parte di Norma Blazquez dell’Università del Messico, è che “le streghe avevano le conoscenze per controllare la riproduzione e sapevano come praticare l’aborto. Questa conoscenza implicava la capacità di godere di una sessualità più libera, mettendo così a rischio l’egemonia maschile, e così gli uomini si impadronirono delle loro conoscenze e le annientarono sui falò.

Il piacere nelle donne come opera del male

La donna sessuale, il vero pericolo

Se c’era un testo che accelerò la caccia alle streghe e individuò le donne come la causa principale di tutta la miseria del XVI secolo, questo fu il Malleus maleficarum, un trattato scritto dai monaci domenicani tedeschi sulla persecuzione della stregoneria.

Il piacere nelle donne come opera del male

“La stregoneria deriva dall’appetito carnale femminile”
Vari studiosi confermano la misoginia del libro, nulla di notevole visto il contesto in cui il trattato è stato scritto. Secondo gli autori del Malleus maleficarum, le donne in quanto esseri erano più innocenti ed emotive, quindi avevano maggiori probabilità di cadere nella tentazione del male. Un bersaglio semplice rispetto alla forza degli uomini. Aggiungevano che, date le sue caratteristiche, una donna virtuosa lo era più di qualsiasi uomo, ma che una donna malvagia era peggio di un uomo malvagio. E, naturalmente, gli autori alludono alla verginità come ideale per una donna, poiché “la sua sessualità è pericolosa, nonostante sia necessaria per la produzione”.

Il piacere nelle donne come opera del male

Secondo il documento, la stregoneria nasce dall’appetito carnale delle donne che, si attesta, è insaziabile. In precedenza, le congreghe (incontri di streghe) erano associate ad atti sessuali tra i partecipanti e il Diavolo, a volte incarnato come un capro maschio. Il Malleus Maleficarum insiste sul fatto che la sessualità femminile è pericolosa; tanto che il peccato commesso dalla donna «spoglia la sua anima della grazia» e afferma che «tutti i regni del mondo sono stati abbattuti dalle donne». La colpa è sempre nostra. Naturalmente, anche secondo il trattato, come donne malvagie ci sono tre vizi principali che ci definiscono: l’infedeltà, l’ambizione e la lussuria. Senza dimenticare il fatto che le streghe causavano l’impotenza sessuale negli uomini. Non ci diamo abbastanza credito.

Il piacere nelle donne come opera del male

Niente calderoni o manici di scopa

Nonostante tutti i decenni di persecuzione delle donne (più del 70% delle giustiziate) accusate di stregoneria dalla Chiesa e dalla giustizia civile, nessuna di queste donne fu arrestata durante una congrega, né fu mai usato un calderone o un manico di scopa come prova. Inoltre, l’unica prova erano le confessioni ottenute attraverso torture o prove che non lasciavano spazio alla vita. Se morivano, non erano streghe. Ovviamente sono morti. La stregoneria non era altro che saggezza e progresso nelle mani delle donne.

Il piacere nelle donne come opera del male

L’immagine di una strega, stereotipata e corrotta, è molto presente oggi. Chi non è cresciuto temendo la strega malvagia, travestendosi da tale per incutere paura nelle persone alle feste, inimicandosi la principessa pura, obbediente, devota e debole, cresciuta per prendersi cura, amare e obbedire? Loro, le streghe malvagie e le streghe eretiche, capaci di avvelenare con una mela per invidia, di tacere per acquisire potere, e di imporre il coma eterno per vendetta.

Il piacere nelle donne come opera del male

Ma sono passati sei secoli dagli eventi reali e, dopo tutto questo tempo e tutta la demonizzazione di questo personaggio così presente nella cultura popolare, le donne sono ancora oggetto di dubbi. Sono individuati, esclusi o condannati per non aver rispettato quanto ci si aspetta da loro. Continuiamo, ovviamente, a trascinare con noi l’eredità imposta della sottomissione. Dalle più assurde – e non innocue – come la decisione di avere figli, alle leggi oggi vigenti che violano i diritti umani, passando per la libertà sessuale e tutto ciò che essa comporta.

Il piacere nelle donne come opera del male

Oggi l’aborto è completamente illegale in più di 24 paesi, e altri 42 paesi considerano il suo uso accettabile solo come ultima risorsa per salvare la vita della madre. Tuttavia, in 15 stati un uomo può evitare la condanna per stupro se sposa la sua vittima. I paesi in cui è consentito il matrimonio precoce sono più di 11. Delle donne sposate di oggi, 250 milioni di ragazze si sono sposate prima dei 15 anni. La promiscuità femminile è punibile con la lapidazione in 20 paesi, l’omosessualità vietata in 72. Nel mondo, le donne guadagnano in media del 24% in meno e rappresentano il 70% della povertà del pianeta. Siamo solo il 22% dei rappresentanti politici e siamo presenti in 1 notizia su 4. Dei 195 paesi nel mondo, 140 paesi garantiscono l’uguaglianza di genere nelle loro costituzioni; i restanti 55, ovviamente, hanno ancora streghe tra le loro fila.

Il piacere nelle donne come opera del male

In parole povere, sembra che le donne che si educano, studino e sappiano; quelli che scopano liberamente e si appropriano della loro sessualità e piacere; quelli che prosperano, si prendono cura di se stessi, si reinventano, si riprendono e, soprattutto, si difendono, rappresentano un problema

Il piacere nelle donne come opera del male

Le streghe non sono mai esistite, ma ora più che mai vorremmo che esistessero

Seguici su facebook per non perdere tutti i nostri consigli! O su nostro canale Youtube per guardare tutti nostri interessantissimi video e nel nostro canale Instagram

E non dimenticarti di dare uno sguardo al nostro sexshoponline Àmanthy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Apri chat
Hai Bisogno di aiuto?
Ciao ✋
Sono qui se hai delle domande...