Il Sadismo Sessuale

Sadismo | Sexy Shop Online | Àmanthy

Il Sadismo Sessuale

Il Sadismo Sessuale:  riguarda individui che ammettono liberamente di avere gli interessi parafiliaci discussi

Se questi individui riconoscono apertamente e discutono il loro interesse sessuale per la sofferenza fisica o psicologica degli altri, sono designati come “individui che accettano”.

E se segnalano anche difficoltà psicosociali legate a queste preferenze sessuali per la sofferenza fisica e / o psicologica di un altro, possono essere diagnosticati con disturbo da sadismo sessuale.

Non Avere Angosce

Al contrario, se questi “individui che ammettono” negano di provare qualsiasi angoscia (che può essere caratterizzata da ansia o senso di colpa)

a causa di questi interessi parafilici e le loro storie non indicano che agiscono sugli impulsi,

possono avere un interesse sessuale sadico ma non soddisfano i criteri per il disturbo da sadismo sessuale.

Criteri diagnostici per il disturbo da sadismo sessuale 

stabilisce un criterio diagnostico di coppia, che deve essere soddisfatto per poter fare una diagnosi di disturbo da sadismo sessuale.

Questi includono:

Per 6 mesi o più, l’individuo ha sperimentato un’eccitazione sessuale intensa dalla sofferenza fisica o psicologica di un altro, come manifestata da fantasie e comportamenti.

L’individuo ha agito in base a queste fantasie sessuali con una persona non consenziente,

OPPURE le fantasie hanno causato una menomazione clinicamente significativa in importanti aree della vita (al lavoro o nelle sue relazioni personali).

È anche importante specificare se il disturbo del sadismo sessuale è

in un ambiente controllato, mentre l’individuo vive in un contesto istituzionale o in un altro contesto che limita le opportunità di impegnarsi in comportamenti sessuali sadici:

in piena remissione, mentre l’individuo non ha agito in base ai suoi interessi e impulsi parafilici con una persona non consenziente,

e non ha sentito angoscia o menomazione in aree importanti della vita, negli ultimi 5 anni (o più) mentre si trovava in una condizione incontrollata ambiente.

Sviluppo e decorso del disturbo 

Sulla base di campioni forensi, gli individui sono quasi esclusivamente maschi.

Tuttavia, un campione rappresentativo della popolazione australiana ha mostrato che il 2,2% degli uomini e l’1,3% delle donne ha affermato di aver praticato schiavitù, “sadomasochismo” o pratiche di dominio e sottomissione negli ultimi 12 mesi.

Non ci sono molti altri dati sulla prevalenza o lo sviluppo e il decorso del disturbo da sadico.

Ma uno studio ha scoperto che le femmine hanno riferito di essere diventate consapevoli del loro interesse sadomasochistico da giovani adulti, mentre un altro ha mostrato che l’età media all’inizio del sadismo sessuale nei maschi era di circa 19 anni.

Sebbene sia importante riconoscere che esiste una differenza tra sadismo sessuale e disturbo da sadismo sessuale.
Esiste un trattamento per il disturbo ?
In realtà è molto improbabile che le persone con disturbo di sadismo  cerchino da sole un trattamento per la malattia.

Invece, gli individui con il disturbo sorpresi a commettere un crimine correlato ai loro interessi parafilici sono tenuti per legge a ottenere un aiuto professionale. Ciò comporta in genere la psicoterapia e la prescrizione di farmaci.

Diagnosi differenziale
Ci sono alcune condizioni che possono essere diagnosi differenziali per il disturbo del sadismo sessuale.

Di conseguenza, è importante valutare attentamente i criteri diagnostici e le prove del disturbo, tenendo presente anche le seguenti possibilità:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Apri chat
Hai Bisogno di aiuto?
Ciao ✋
Sono qui se hai delle domande...