fbpx

La Storia Di “O”

La Storia Di "O"

La Storia Di “O”

La Storia Di “O”. Io inizio a raccontarmi

Abitavo a Milano per insegnare. All’Università c’erano molti uomini carini, ma insegnando Marketing vi assicuro che la maggior parte erano noiosi e pesantissimi. Come le  Università americane ci ritrovavamo la sera gli uomini con gli uomini e le donne con le donne. Le donne erano più interessanti degli uomini, erano più aperte. Chi parlava di imprenditoria e chi ribatteva con un cocktail.

Insomma le serate trascorrevano come sempre tra alti e bassi. Un giorno ti ho visto. Lì, proprio lì all’angolo, all’angolo della colonna. Serio, misterioso, solo. Il tuo sguardo era ovunque e in nessun posto preciso, ma io in quel momento, me lo sentivo addosso. Mi sono avvicinata al bancone bar e mi sono messa a parlare con una mia collega.

Ridendo, sorseggiando un cocktail, ho sentito qualcuno che spingeva sulla mia schiena. Mi sono girata e dei tu, non hai chiesto scusa e sei andato via. Un brivido, mille brividi mi hanno percorso la schiena. Ho domandato alla mia collega se ti conoscesse e mi ha risposto” ah è un tizio nuovo, se ne sta sempre da solo e non da confidenza, lascialo perdere”

Erano circa le 2 di notte, mi misi sulla mia macchina e mi diressi verso casa. Arrivata chiusi la macchina e in quel momento squillò il cellulare!

“Pronto? Certo sono arrivata adesso. A domani, ciao” – era Anna la mia collega.

 

Una Carezza Umida Sul Collo

Ad un tratto alle mie spalle sento un aato, e poi una lingua che mi percorreva i collo.

Eri tu, eri tu con i capelli neri corvino e gli occhi neri a mandorla. Eri tu misterioso e prepotente.

Siamo entrati in casa, avvinghiati in una morsa di piacere, ansimando. Eri bellissimo.

Mi hai spinto sul tavolo, ricordi? Ma io ti ho portato il camera da letto e ti fatto distendere sul letto.

Dal comodino ho preso il mio foulard nero e ti ho legato dietro la schiena i polsi. Non te l’aspettavi. Poi ti ho lasciato nudo, ed ho iniziato a stuzzicarti. Non mi sono totalmente spogliata il mio completo nero che avevo comprato aveva il suo perché di eccitante.

Un Po’ di Bondage

Ero su di te, in modo preponderante, ti ho spogliato. Con una  lunga corda ti ho legato, sì li so fare i nodi, sono brava. Eri mio, in mio potere.

Ti ho bendato e con il frustino ho iniziato a solleticare le tue parti intime. Il tuo pene era gonfio e rosso. Mi sono messa su di te ed ti ho solo fatto sentire la mia vulva bagnata.

Mi avvicinavo e mi allontanavo. Ho preso il mio toy preferito. Ti ho sbendato ed ho iniziato a godere davanti a te.

Hai parlato e mi hai chiesto “vieni qui adesso”. Adesso? No non è ora e feci una telefonata.

Mi allontanai lasciando ti solo, per farti sbollire un po’. Bevvi un po’ di vini rosso.

Suonarono alla porta ed era Anna. Bellissima come sempre e come sempre aveva capito.

Finalmente Arriva Anna 

Avevo portato con sé la sua maschera e la sua tuta di lattice e in un attimo fu lei a frustare me dolcemente, a bendarmi, mentre tu ci guardavi. Ci coricammo vicino a te e Anna iniziò a togliermi le mutandine e a solleticarmi la vagina Lei si mise sopra la sua bocca e e con una mano giocava con me e con te.

Ricordi che serata? Non si ripetè più con te! Ma io ringrazio Anna per avermi fatto conoscere questo mondo di piacere, perché niente di più bello c’è che conoscere i propri punti orgasmici. Capisco che questo racconto può essere un po’ forte ma vi ho voluto raccontare quello che mi è successo e cosa non lascerò mai più. I miei giocattoli, i miei amici di tante sere, da sola o in compagnia.

Il sesso è bello. Il sesso ognuno lo fa come gli pare. Siamo padroni del nostro corpo e abbiamo diritto di vivere la nostra sessualità come meglio crediamo.

Se ne volete parlare con me sono a vostra disposizione ma prima devo presentarvi gli attori principali di quella notte.

Questi sono i miei compagni di viaggio, solo alcuni, in realtà. Perché da quando conosco il mio corpo e la mia sessualità sono sicura di me e di quello che cerco nella vita. Essere consapevoli di sé stess* è importante per noi stessi, per il nostro/a partner, perché il sesso fatto bene è vitale. Mi raccomando SOLO SESSO PROTETTO!!!!

I mIei Compagni Di Avventura

E qui ho trovato i miei compagni di viaggio di quella notte! Una Frusta, il mio Intimo, La benda, La corda, Le palline vaginali, Lo Stimolatore Clitorideo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *