Orgasmo perché fingiamo

Orgasmo Perché Fingiamo?

Orgasmo perché fingiamo

Orgasmo perché fingiamo Alzino la mano  quelli che non hanno finto mai almeno un orgasmo.

Se ti guardi intorno, , la maggior parte delle persone che alzano la mano sono molto probabilmente donne, soprattutto se sono eterosessuali

Quindi le donne hanno davvero più difficoltà ad avere un orgasmo o cosa sta succedendo?

Nel 2017 il marchio di preservativi Durex ha condotto uno studio sull’orgasmo nei Paesi Bassi e in Belgio.

Il 75% delle donne intervistate ha dichiarato di non avere avuto un orgasmo durante il sesso, il 75%!

Mentre negli uomini era del 28%.

Vale a dire che tre donne su quattro non hanno avuto un orgasmo durante i rapporti sessuali, ma questo non è qualcosa di esclusivo per i Paesi Bassi o il Belgio.

Un altro studio pubblicato nel 2018 negli Stati Uniti, condotto su oltre 50.000 persone, ha indicato che gli uomini eterosessuali hanno orgasmi nelle loro relazioni sessuali 95%, seguiti da uomini gay 89%, uomini bisessuali 88%, donne bisessuali 66% e infine donne eterosessuale 65%, delle donne omosessuali,

La stessa conclusione, è sempre la stessa, ed è che è sempre la donna ad essere inferiore nelle percentuali relative agli orgasmi.

E questo è il divario orgasmico.

Secondo vari studi del 2011, 2013 e 2014 che hanno intervistato donne e uomini, hanno indicato che le donne eterosessuali che  hanno orgasmi nelle loro relazioni sessuali sono il 61,6%, donne omosessuali 74,7%, donne bisessuali 58%, uomini eterosessuali 85,5%, uomini omosessuale 84,7% e uomini bisessuali 77,6%.

Qualunque sia lo studio, e in qualsiasi anno, con lievi variazioni nelle percentuali, si giunge sempre alla stessa conclusione, ed è sempre la donna che è al di sotto delle percentuali relative agli orgasmi.

Ma perché? Che succede?

Niente di nuovo, l’8 agosto si celebra la Giornata internazionale dell’orgasmo femminile per rivendicare, dare visibilità e voce a qualcosa che è stato e continua a essere messo a tacere.

Il piacere delle donne.

È stato tenuto dal 2006, tenendo conto che la più antica prova dell’uso della ruota risale al 3.500 a.C. e la giornata internazionale dell’orgasmo femminile risale al 2006, lasciando la visibilità dell’orgasmo alle porte dell’adolescenza femminile, niente di più e niente di meno che 13 anni.

Ma perché non dicono se gli piace o no? Perché le donne fingono l’orgasmo?

Sfortunatamente, in molte occasioni le donne hanno un orgasmo falso, non esiste un motivo unico, ogni persona è diversa, ma in generale ci sono ragioni che hanno a che fare con il genere e si ripetono spesso

Hai mai simulato un orgasmo?

-Sì,
-mai
-?No,
-non è necessario ?
-Che cos’è un orgasmo? ?

Orgasmo perché fingiamo

Da un lato, per creare un’immagine di noi stessi in cui godiamo della relazione sessuale.

“Ti faccio divertire”, in modo che il partner sessuale sia soddisfatto.

Il che semplifica non ferire l’ego dell’altra persona.

La finzione si verifica nella stragrande maggioranza dei casi nelle relazioni eterosessuali, dove l’educazione diretta alle donne fa sì che preferiscano mettere la soddisfazione degli uomini prima del proprio piacere, che la relegano in secondo piano.Inoltre,

in molte occasioni inizia dall’ignoranza stessa, dove a causa del non sapere cosa le dà piacere e dal momento che non l’ha ottenuto da sola, non può comunicarlo.

 O a volte, pur sapendolo, non lo comunica per paura dei giudizi, o che mettendo il proprio piacere davanti alla coppia sia insoddisfatta.

Quindi sembra che sia meglio fingere o non dire più volte per paura dell’abbandono, o per compiacere, il che fa trascurare l’autocompiacimento.

Educazione sessuale per le donne

L’educazione rivolta alle donne proviene dalla disconnessione con il nostro corpo, con il nostro piacere, che ci fa ottenere soddisfazione per altri aspetti della sessualità che non sono focalizzati sul piacere orgasmico, come l’intimità, la fiducia, la vicinanza …

 Questo, aggiunto al fatto che impariamo ad aspettarci meno piacere, lo rende la combinazione perfetta per le disfatte.

“Basta uno sguardo.” Ed è che in molte occasioni l’idea che le pratiche sessuali debbano essere eseguite sì o sì, anche se forse non sono soddisfacenti come la leggenda.

E se non sono piacevoli, deve essere perché “sto facendo qualcosa di sbagliato” perché altrimenti  mi piacerebbe, quindi insisto invece di pensare che se non mi piace, posso fare qualcos’altro.

Ciò significa che il rapporto sessuale in molte occasioni ha ben poco a che fare con la soddisfazione sessuale, ma che è ancora la pratica più importante.

La normalizzazione delle pratiche sessuali che non tengono conto della realtà dei corpi della maggior parte delle donne spiega questo divario. Qui troviamo un grande ostacolo al godimento delle pratiche sessuali, tutti gli studi indicano che la maggior parte delle persone con clitoride hanno un orgasmo con pratiche diverse o simultanee al rapporto sessuale, che di solito comportano il contatto con il glande del clitoride.

In effetti, ci sono persone che raggiungono l’orgasmo con la stimolazione dei capezzoli poiché hanno anche molte terminazioni nervose.

Non avere un orgasmo non è un problema fintanto che accade in tempo, e puoi smettere di fare sesso quando vuoi, senza dover fingere di aver già avuto un orgasmo per giustificare che puoi interrompere la relazione sessuale.

Quanto deve durare una relazione sessuale?

Secondo vari studi, le coppie eterosessuali di solito hanno relazioni sessuali che durano tra i 15-30 minuti e le donne omosessuali tra i 30-60 minuti.

Nonostante il fatto che le donne omosessuali abbiano meno orgasmi rispetto agli uomini, trascorrono più tempo a fare sesso e proprio questo ha a che fare con il fatto che quando non c’è pene, non c’è possibilità di godere se non c’è erezione.

In una relazione sessuale eterosessuale “convenzionale”, tutto ciò che viene fatto prima del rapporto sessuale viene chiamato preliminare e tutto ciò che accade dopo non ha nemmeno un nome, essendo spesso inesistente.

Quando il rapporto non è essenziale, come nel caso di persone che non hanno un pene, mille porte si aprono al piacere di tutti coloro che partecipano.

Distruggere questa convinzione non può solo aumentare il piacere dei partner sessuali cis-maschi, perché potrebbero non aver bisogno né voler fermarsi quando non c’è possibilità di rapporti sessuali.

Potrebbe anche aprire altre opzioni per gli uomini cis, che potrebbero scoprire che i loro corpi hanno il confine dei piaceri molto al di là di ciò che la cultura dei co-centristi ci ha portato a credere.

Possiamo provare un piacere di coppia in un ambiente a noi non consono per un orgasmo

Ad esempio OVETTO REMOTE CONTROL A DISTANZA IRENA I: Grazie all’app potrai controllarlo anche a chilometri di distanza oltre a personalizzare le tue vibrazioni di piacere.

Ma il vero punto di forza di Irena I è la possibilità di essere gestito, oltre che dall’ovetto vibrante (con 10 modalità di vibrazione personalizzate), anche direttamente dal tuo smartphone.

Grazie all’app scaricabile sia su Android che su iOs avrai mille possibilità in più per utilizzare il tuo ovetto vibrante Realov.

OVETTO REMOTE CONTROL A DISTANZA IRENA I Come funziona?

Dal tuo smartphone avrai la possibilità di avere video chat durante l’utilizzo del tuo Irena I e di utilizzare il tuo telefono come telecomando da un luogo diverso rispetto a quello in cui si trova la partner che sta utilizzando il sex toy, anche a chilometri di distanza.

Seguici su facebook per non perdere tutti i nostri consigli! O su nostro canale Youtube per guardare tutti nostri interessantissimi video e nel nostro canale Instagram

E non dimenticarti di dare uno sguardo al nostro sexshoponline Àmanthy

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Apri chat
Hai Bisogno di aiuto?
Ciao ✋
Sono qui se hai delle domande...