fbpx

Pene curvo

Pene curvo

Pene curvo

Pene curvo. Sai, nessuno è perfetto. Per quanto vorremmo pensare che i nostri corpi siano equilibrati e simmetrici, abbiamo tutti un piede più grande dell’altro, una gamba più lunga dell’altra, un orecchio più basso dell’altro.

Quindi non sorprende che anche i nostri genitali non siano esattamente pari.

Per quanto riguarda il pene, quando è eretto, hanno tutti un certo grado di curvatura, ma è molto più pronunciato in alcuni uomini rispetto ad altri.

Naturalmente, un pene eretto può avere una leggera curva a causa delle diverse camere che compongono il pene.

Corpo Spugnoso

cosa è? 

C’è un corpo spugnoso, che circonda l’uretra e si trova sul lato inferiore del pene fino al glande (testa) compreso.

Poi ci sono due corpi cavernosi sul lato sinistro e destro della parte superiore del pene (in una posizione parallela al suolo).

Se una di queste due camere è più lunga dell’altra, l’erezione può piegarsi leggermente a sinistra o a destra.

Corpo Cavernoso

Dove si trova 

Se i due corpi cavernosi sono più corti del corpo spugnoso sotto il glande, l’erezione può piegarsi leggermente verso l’alto.

Di solito, una leggera curvatura del pene durante l’erezione è normale e prevedibile.

Può dipendere semplicemente dallo sviluppo anatomico o da anni passati a mettere il pene da una parte o dall’altra negli slip.

Il semplice atto di regolarlo su un lato più volte al giorno può allungare delicatamente il tessuto connettivo del pene in modo che un lato sia più lungo dell’altro.

Normalmente, una curva delicata non causa difficoltà o interferisce con l’attività sessuale.

Alcuni uomini, tuttavia, sperimentano una curvatura molto più drammatica che può essere problematica.

Questo è il caso della malattia di Peyronie.

La malattia di La Peyronie è una condizione che si forma nel pene a causa dell’aumento del tessuto cicatriziale che si forma sulla tunica albuginea (tessuto connettivo) su un lato del pene.

Poiché questa cicatrice non è elastica come l’altro tessuto connettivo che si trova nel pene, rimane della stessa lunghezza mentre gli altri tessuti del pene si espandono durante l’erezione.

Il tessuto cicatriziale rimane della stessa lunghezza, il resto dell’erezione deve piegarsi attorno ad esso, formando una curva molto pronunciata.

L’angolo di curvatura nel Pene curvo

A volte l’angolo di curvatura è così forte che diventa difficile solo avere la penetrazione.

Altri uomini provano dolore con l’erezione e alcuni trovano difficile mantenere l’erezione perché hanno una perdita venosa a causa della scarsa tensione quando iniziano ad avere un’erezione.

Si ritiene che la Peyronie possa svilupparsi in un uomo in risposta a un trauma al pene, o anche microtraumi con minuscoli strappi della tunica albuginea (i tessuti connettivi che circondano il tessuto erettile).

Trauma E Microtrauma

Nel tentativo di curare questo trauma / microtrauma, il corpo depone il tessuto cicatriziale per sigillarlo.

Spesso, non c’è nulla di straordinario che un uomo abbia fatto per causare questo, e può darsi che alcuni uomini siano geneticamente più predisposti a questa formazione di tessuto cicatriziale rispetto ad altri, come evidenziato dal fatto che fino al 20% di questi uomini hanno lo sviluppo di tessuto cicatriziale anche in altre parti del corpo.

La fase attiva della malattia

Nella malattia di Peyronie, c’è una fase attiva della malattia in cui il corpo forma attivamente più tessuto cicatriziale e una fase inattiva in cui il tessuto cicatriziale è relativamente stabile.

A volte, un uomo può avere una formazione di tessuto cicatriziale che migliora da sola senza trattamento, ma altre volte è necessario un trattamento per risolverlo.

Se un uomo sviluppa la malattia di Peyronie, ci sono alcune opzioni di trattamento.

Poiché può esserci una risoluzione della placca da sola, si consiglia di eseguire il trattamento durante la fase inattiva della malattia.

Esistono opzioni terapeutiche che possono ridurre il tessuto cicatriziale, come la vitamina E o altri farmaci assunti per via orale.

Altri farmaci che aiutano a dissolvere la placca cicatriziale possono essere iniettati direttamente nella placca per cercare di abbattere il tessuto cicatriziale stesso.

Se i farmaci non hanno migliorato una curvatura grave, ci sono diverse tecniche chirurgiche che un urologo potrebbe provare.

Normalmente, i farmaci vengono provati per almeno un anno prima di adottare un approccio più invasivo.

Gli studi hanno anche scoperto che l’uso di estensori penieni meccanici può anche aiutare alcuni uomini, ma questi possono essere scomodi e di solito vengono indossati per 5 ore o più al giorno per 6 mesi a un anno.

Questo metodo allunga il tessuto cicatriziale nel tempo, ma deve essere eseguito con attenzione e sotto la supervisione di un urologo per garantire che non vi siano lesioni ripetute al pene e formazione di cicatrici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *