Puppy Play

Puppy Play

Il puppy play è un termine che serve a indicare un determinato gioco di ruolo – che può sfociare nella sessualità o meno – in cui ci si cala nei panni di un cane. Il puppy, ovvero il cucciolo, emula l’atteggiamento di questo animale, dal punto di vista comportamentale e fisico. Si utilizzano orecchie, maschere, museruole, code, guinzagli, e così via. Ma quello del puppy è più che altro un gioco di ruolo mentale, e questi accessori servono solo per calarsi meglio nel proprio alter ego canino.

Il puppy play è una pratica fetish, che negli ultimi tempi sta prendendo sempre più piede. La comunità italiana di puppy sta crescendo, e la si può incontrare anche in eventi queer e LGBTQ+ come il Pride per esempio.

Chi sono i puppies?

I puppies, ovvero i cuccioli, sono delle persone a cui piace immedesimarsi in un cane. Per molti si tratta di una vera e propria personalità alternativa, che emerge in diversi contesti nella quotidianità. È quindi uno stile di vita, che quindi non riguarda soltanto la sfera sessuale – ma che può però coinvolgerla. Quando si fa il gioco del cucciolo si abbandonano i propri panni umani, e si torna a una condizione animale – fatta di istinti e atteggiamenti specifici.

Il cucciolo nel puppy play

La figura del puppy non implica necessariamente la presenza di un padrone. Tuttavia il cucciolo può scegliere un proprietario, o un altro cane con cui giocare. Nel caso di due puppies si stabilisce una sorta di gerarchia, dove c’è un cane alfa (dominante, protettivo) e uno beta (più sottomesso, o comunque dipendente dal primo). Il padrone del cucciolo invece non è il classico master. Nel puppy play infatti non ci sono punizioni, anzi. Il proprietario si prende cura del suo cucciolo come farebbe con un vero cane: lo accudisce, lo nutre e lo coccola. Niente schiavitù e sadismo quindi, ma un rapporto quasi di dipendenza e affetto.

Il cucciolo è sempre allegro e festoso, fedele e obbediente come un vero cane.

Perché diventare un cucciolo?

Ci possono essere diverse ragioni che spingono qualcuno a voler diventare un cucciolo, o perlomeno a emularlo. Per prima cosa è un gioco divertente, e anche un modo per rifuggire dalla quotidianità. Per un determinato lasso di tempo quindi ci si lascia alle spalle ansia e preoccupazioni, e si pensa solo al divertimento. Inoltre il rapporto che si instaura tra proprietario e cane è di sottomissione e dominazione, ma non assume connotazioni estreme. Non c’è la componente delle punizioni e del sadismo per esempio, né delle umiliazioni. È comunque un rapporto di subordinazione, ma non estremo né limitante.

I cuccioli possono decidere di avere un padrone, che in questo caso si chiama owner, oppure un cane randagio.

Puppy play: come iniziare?

Puppy Play

Se l’idea ti stuzzica, o pensi che possa interessare al tuo partner, ti starai chiedendo come iniziare a inserire questa pratica nella vostra routine sessuale. Non ci sono in realtà delle vere e proprie regole. Ogni cucciolo ha esigenze proprie, e il puppy play può assumere sfumature differenti.

Di solito i cucciolo sono giocherelloni, festosi, talvolta anche dispettosi. Sarai tu a scegliere il tuo ruolo e la tua personalità. Definisci il tuo personaggio, associati a una razza canina nella quale ti immedesimi, e crea il tuo nome da cucciolo. Se ti aiuta a calarti meglio nella parte sfrutta un abbigliamento specifico, capi in pelle o PVC per esempio, maschere da cane, e così via – ma questo è opzionale, la scelta è soltanto la tua.

La cosa fondamentale è sempre quella di far ciò che ti piace e che non crea danni o disagi a te e il tuo partner. Se vuoi esplorare nuovi scenari, prima di tutte parlatene insieme!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Apri chat
Hai Bisogno di aiuto?
Ciao ✋
Sono qui se hai delle domande...