Sesso orale femminile: piacere garantito o sopravvalutato?

Sesso Orale Femminile: Piacere Garantito O Sopravvalutato?

Sesso orale femminile: piacere garantito o sopravvalutato?

Sesso orale femminile: piacere garantito o sopravvalutato?: Quali sono le principali barriere del sesso orale per le donne che hanno la vulva e in che misura queste barriere giocano contro il tuo piacere quando fai sesso?

Vale la pena affrontare così tanto disagio alla ricerca di un po ‘di piacere?

Il sesso orale femminile è davvero quella ciliegina sulla torta come dicono molte donne?

In questo articolo vedremo alcuni vantaggi riguardanti il ​​sesso orale femminile e parleremo dei possibili modi per aggirare tabù, paure e vergogna quando si tratta di piacere piacevole attraverso le mani, o meglio, attraverso la bocca, di un’altra persona.

E tutte le donne sono … uguali?

Ci sarebbe una risposta unica a questa domanda se tutte le donne nel mondo fossero esattamente le stesse, ma non è proprio così.

Proprio come la nostra personalità ha differenze da persona a persona e caratteristiche uniche che ci rendono unici, il piacere, per la maggior parte delle donne, è anche uno spettro di possibilità.

Non tutto ciò che funziona per una funzionerà per l’altra e viceversa.

Ci sono quelle a cui piace, ci sono quelle a cui non piace

Lavoriamo da molti anni con il piacere e la sessualità femminile.

Durante questo lavoro continuo abbiamo ascoltato diversi rapporti di donne che trovano il grande graal del piacere nel sesso orale femminile.

Ma, non meno raro, ci sono anche un numero considerevole di donne che riferiscono di non aver visto divertimento in questa attività.

Per loro, è un sacco di fanfara su qualcosa che non fornisce nemmeno così tanto piacere.

Assenza di piacere nel sesso orale femminile

Tuttavia, l’assenza di piacere nel sesso orale segnalata da queste donne è raramente correlata a fattori fisiologici, ma piuttosto a due fattori principali che ostacolano il piacere durante il sesso: una mente che non si spegne e si giudica in ogni momento o il coinvolgimento con una persona che non ha idea di cosa sta facendo laggiù, anche quando il corpo è rilassato e disponibile a ricevere piacere.

Molte donne che hanno la vulva affrontano vere difficoltà quando si tratta di sesso orale perché la loro mente è dominata dall’autocritica e dalla paura del giudizio che può venire dall’altro.

Il fatto che viviamo in una società sessista e misogina ha portato molti di noi a sviluppare una forte insicurezza in relazione al proprio corpo e un rapporto molto tabù con la vulva, i suoi rilievi, le sue consistenze, i capelli e gli odori.

Al momento del sesso, queste paure mal lavorate sono le prime ad emergere: Il mio corpo si preoccupa?

Sesso orale femminile: piacere garantito o sopravvalutato?

E se trovassero il mio cattivo odore?

Merito davvero tutta quella dedizione?

Cosa penserai se ci metto troppo tempo a venire o se non vengo?

In questo, anche il nostro momento di ricevere piacere per le mani o la bocca dell’altro diventa un momento di performance in cui ci preoccupiamo di non disturbare, piacere e lasciare che l’altro si senta a suo agio a scapito del nostro stesso disagio (fisico o mentale).

Il sesso orale femminile non è un favore.

Pertanto, prima di tutto, è necessario convincersi che il sesso orale femminile è qualcosa di possibilmente piacevole.

Che il tuo corpo, con tutte le sue singolarità, curve, rilievi, consistenze e odori, è anche fonte di piacere e lussuria per la persona con cui ti stai relazionando.

Cioè, il sesso orale non è un favore che viene fatto a nessuno.

È qualcosa che viene fatto nel sesso perché si traduce in piacere per tutte le persone coinvolte.

Se la realtà risulta essere diversa da questa, è molto probabile che il problema non sia con te o il tuo corpo, ma con la persona con cui ti stai relazionando.

Come cercare piacere nel sesso orale anche quando la mente sabota?

Se ti rendi conto che la paura, la vergogna e il tabù sono fattori che agiscono da barriera al tuo piacere durante il sesso orale, la prima cosa che puoi fare per te stesso è essere gentile con te stesso e con il tempo dei tuoi processi.

Metti la tua difficoltà nel contesto

Ci sono molte generazioni di donne che hanno subito il controllo e l’oppressione sul libero esercizio della sessualità, molte altre che hanno vissuto situazioni di violenza o umiliazione durante le loro esperienze sessuali.

Abbiamo ricordi sia ancestrali che vissuti che segnano il nostro rapporto con la sessualità, quindi va bene non sentirsi pronti oa proprio agio in determinate situazioni

Accettare il merito del piacere

Ma una volta che riesci gradualmente a superare queste paure, vergogna e tabù, rafforzando in te stesso la consapevolezza che meriti di provare piacere, è anche importante capire che il piacere nel sesso orale femminile è un processo che inizia con intenzione e finisce con soddisfazione. , ma questo include molti passaggi lungo il percorso.

Raramente il sesso orale femminile inizia con la lussuria lassù.

Per prima cosa è necessario avere il desiderio, la disponibilità e l’intenzione di provare piacere.

Poi ci vuole tempo e dedizione per creare gradualmente una carica orgastica nel corpo che riceve lo stimolo in modo da poter godere di una piacevole scarica.

E questo, per le donne con vulva, non è un processo di 2 o 5 minuti.

Il sesso orale femminile è davvero quella ciliegina sulla torta come dicono molte donne? Il porno è l’antitesi del piacere per le persone con la vulva

L’industria pornografica è il fattore principale che contribuisce a questa comprensione che il piacere è il fast food: stimolava, si divertiva.

Nei film, le persone sono soggette a stimoli brevi, veloci e intensi che portano a un orgasmo (falso, tra l’altro) in pochissimi minuti.

Questo ci fa pensare che ci sia qualcosa che non va nel nostro corpo, dopotutto, chi può riprodurre questa performance nella vita reale?

Ma il fatto è che questa è una lettura molto etero-cis-maschile di come funziona il desiderio.

È necessario capire che il piacere per le persone con la vulva è molto più complesso di così.

Fisiologia del piacere

Le persone con vulva hanno una fisiologia del desiderio sessuale che è più reattiva, che è strettamente correlata alla fase del ciclo mestruale e che dipende da una qualità dell’eccitazione per raggiungere il culmine.

In altre parole, non è un corpo che gode di alcun invito o di una briciola di stimolo.

D’altra parte, è anche una fisiologia che ha una maggiore capacità di sostenere il carico orgasmico, e per questo motivo può sperimentare più di una scarica piacevole, con intensità diverse, nella stessa interazione sessuale.

L’analogia del forno elettrico e del forno a legna In modo semplificato è come se i corpi con pene avessero la fisiologia di un forno elettrico: si riscaldano velocemente e ogni volta che raggiunge il suo apice si disarma, si raffredda e ha bisogno di un po ‘di tempo per potersi riscaldare di nuovo.

I corpi Vulva, invece, funzionano più come un forno a legna: richiedono più tempo per riscaldarsi, ma una volta caldi rimangono caldi e sono in grado di cuocere più pizze nella stessa infornata, cioè sperimentando diverse piacevoli scariche prima di aver bisogno smettere di ricomporsi.

Il sesso orale femminile è davvero quella ciliegina sulla torta come dicono molte donne? Capacità di leccare

Il secondo fattore principale che funge da barriera quando si tratta di sesso orale femminile è quando il partner non conosce e non scopre i percorsi di piacere di quel corpo con la vulva che viene stimolata.

A differenza dei corpi con un pene, che hanno un’anatomia molto esplicita, diciamo, i corpi con una vulva hanno un’anatomia molto più diversificata.

Vulve diverse, piaceri diversi I punti di maggiore sensibilità e piacere sul corpo di due persone con vulva possono essere completamente diversi, anche se i due godono delle stesse piacevoli strutture anatomiche: labbra interne, labbra esterne, clitoride, uretra, vagina, ghiandole della vulva e perineo.

Spesso la differenza tra piacere e disagio sta nell’intensità del tatto, nel ritmo del movimento, nella rigidità della lingua, dal lato della vulva che viene stimolato.

Lo scenario migliore per scoprire il tuo piacere durante il sesso orale è la possibilità di testare diversi stimoli e scambiare percezioni con il tuo partner al momento o anche dopo il sesso.

L’importante è creare un canale di comunicazione tra di voi.

Che si tratti di una relazione a lungo termine o di un incontro casuale.

Comunicazione e piacere

Potresti non sentirti a tuo agio a parlare direttamente di ciò che ti piace al momento del sesso, quindi aiuta il tuo partner a capire i segni di piacere, eccitazione o disagio del tuo corpo attraverso altre lingue: gemiti, sguardi, gesti.

Potresti non provare piacere la prima volta che fai sesso orale.

Potrebbero essere necessari 30 minuti di stimolazione prima di iniziare a provare un po ‘di eccitazione.

Può darsi che la fase del tuo ciclo interferisca con la tua disponibilità e il tuo desiderio in quel momento H.

Potrebbe volerci del tempo prima che il tuo partner acquisisca familiarità con il tuo corpo e crei la capacità di stimolare le tue specifiche aree di piacere.

Qualunque sia la situazione, il fatto è che abituarsi, apprezzare e godersi il sesso orale è un processo che richiede pazienza e prova per la stragrande maggioranza delle donne con vulva.

Che tu sia una persona che ha una vulva o una persona che si relaziona a una vulva, il fatto è che il sesso orale può essere sia una fonte di immenso piacere, sia una fonte di insicurezze e ansie.

In questo articolo cerchiamo di comprendere i fattori che agiscono come barriere al piacere quando si tratta di sesso orale femminile, così come alcuni possibili modi per decostruire queste barriere e stabilire una relazione più positiva con il nostro corpo e con i nostri partner al momento del sesso.

Ma il messaggio principale di tutta questa riflessione deve essere rafforzato: Sappiamo che c’è molto da disimparare e reimparare sul sesso e la sessualità in modo da essere in grado di superare le nostre paure, vergogna e tabù e permetterci di provare piacere.

Sesso orale femminile: piacere garantito o sopravvalutato? E questo è un lungo viaggio, forse una vita.

Chiunque voglia camminare con noi, per tutta la vita o per una notte, deve essere disposto a rivedere e aggiornare anche se stesso. Spesso il tuo partner porta i suoi concetti e tabù su sesso, vulva, curve, rilievi, trame e odori.

E poi non servirà a niente se solo tu ti impegni nella trasformazione.

Quindi, nella relazione in cui non trovi sicurezza per essere te stesso, in cui non trovi spazio per esplorare le tue possibilità di piacere, non tardare!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Apri chat
Hai Bisogno di aiuto?
Ciao ✋
Sono qui se hai delle domande...