fbpx

Un sorso d’acqua fresca

Un sorso d'acqua fresca

Un sorso d’acqua fresca

Un sorso d’acqua fresca. Siamo sdraiati sul letto, i nostri corpi si incastrano, il mio braccio è teso sul tuo petto e le mie dita accarezzano distrattamente il tuo petto, indugiando sui tuoi capezzoli, sono rannicchiata cavo della tua spalla, il tuo braccio mi circonda, caldo e rilassante, le nostre gambe sono intrecciate, la mia coscia sulla tua coscia, il mio piede avvolto intorno al tuo polpaccio.

La conversazione è sussurrata, leggera e frivola, i nostri respiri si rilassano.

Mi alzo e vado a prendere qualcosa per placare la sete di un animale, mi serve un bicchiere d’acqua fredda.

Torno velocemente, mi chino e metto un piccolo bacio sulle tue labbra, le nostre lingue si incontrano e, negli occhi, questo tocco leggero si trasforma in un bacio goloso.

Un sorso d’acqua e le mie labbra scendono dolcemente al tuo petto, scivolano sulla tua pelle e percorrono migliaia di baci leggeri e freschi. La mia bocca indugia sui tuoi capezzoli, li rinfresco con la punta della lingua, li succhio delicatamente. Uno dopo l’altro. La mia lingua avvolge il capezzolo, lo solletica mentre le mie labbra lo succhia. Si alza impercettibilmente ma con orgoglio. Un altro sorso d’acqua fresca e la mia bocca si appoggia di nuovo al tuo petto per infastidirlo ancora e ancora e far tremare i tuoi capezzoli sotto le mie carezze.

Poi, armate di un altro sorso di acqua fresca, le mie labbra tornano a vagare per il tuo corpo, scendono lentamente verso il tuo ombelico, si baciano, leccano, vagano sulla tua pelle, depositando una serie di baci.

Rinfrescati ancora una volta, continuano la discesa verso il tuo pube e iniziano a giocare delicatamente con i peli che lo rivestono, una spazzola, un respiro, una carezza, un bacio, la presa in giro è legata e non ti lascia indifferente.

Uno sguardo mi permette di incontrare il tuo sguardo focoso e un grande sorriso.

La mia bocca ora arriva a sfogliare la pelle sottile del tuo inguine, le mie dita si appoggiano dolcemente sul tuo pene che già indica che apprezza questi tocchi.

Continuo la mia esplorazione, la mia bocca scende lentamente lungo una delle tue gambe mentre la mia mano rimane sulla parte superiore della tua altra coscia, accarezzandola e sfiorando il tuo pene che torna vigoroso.

La tua coscia, il tuo ginocchio, il tuo polpaccio, scendo fino alle dita dei piedi che bacio una ad una, le lecco, le mordicchio …

Un sorso d’acqua fresca

Di tanto in tanto ci scambiamo sguardi ardenti, desiderio e piacere si leggono nei tuoi occhi. Alcuni gemiti e sospiri di contentezza confermano il tuo piacere.

Rinuncio al piede e le mie labbra, di nuovo rinfrescate, passano all’altra tua gamba: baci, succhiando salgono lentamente fino al ginocchio e poi il tuo pube e unisci la mano che continua ad accarezzare il tuo pene.

Ho seppellito la mia faccia nella boscaglia che protegge il tuo sesso e ora mi dedico completamente. Lo inalo e mi inebrio del suo profumo speciale. Lo inondo di baci leggeri, freschi e voraci allo stesso tempo. Le mie mani accarezzano instancabilmente i tuoi fianchi.

Un altro sorso di acqua fresca e bacio dolcemente il glande del tuo cazzo. Sento che il tuo respiro si accelera e comincio ad assaggiarti, a gustarti in tutte le tue sfaccettature, un po ‘come se stessi gustando un cono gelato. In questo caso, per evitare che il gelato cada dal cono, lecco il bordo, succhio dentro la gustosa crema e mi godo questa consistenza cremosa.

Con la mia lingua abbraccio la punta del tuo pene, lo bacio e poi lo succhio dalle labbra.

Apprezzo e assaporo la consistenza della tua pelle, il suo odore. La mia lingua gira intorno al tuo cazzo.

Qualche gemito mi dice che ti piace questa tortura.Il tuo cazzo è caldo, umido e pulsante ma continuo. Ti ingoio ancora un po ‘e lascio che le mie labbra giochino con la punta del tuo cazzo.

Cerco di ingoiarlo, la mia lingua si attorciglia e si gira, cerco di succhiarlo senza farti male. Ti muovi un po ‘, inarchi la schiena con qualche sospiro di sollievo e io continuo a leccarti accarezzandoti i fianchi.

Un sorso d’acqua e prendo il tuo cazzo in bocca mentre le mie mani sono inesorabilmente attratte dalle tue natiche.

La freschezza ti fa sobbalzare leggermente ed emetti un gemito rauco, comincio ad assaggiarti avidamente mentre il mio dito si perde nel solco delle tue natiche.

La mia bocca sale e scende lungo il tuo pene, faccio scorrere la lingua, la lecco, la assaporo e dolcemente comincio a solleticare il tuo sedere con una delle mie dita.

Ma all’improvviso, fermo tutto. Bevo un bel sorso d’acqua fresca e torno sulla tua faccia. Ti bacio avidamente, voglio solo divorarti, mangiarti, saziarmi …

E mentre guardo in fondo ai tuoi occhi, mi alzo su di te, con una mano apro le labbra del mio cazzo e ti guido dentro di me. Mi lascio andare al tuo membro.

Mi siedo su di te e ti sorrido, sembri soddisfatta. Lentamente, lentamente, inizio a muovere i glutei per muovere la mia figa fino al tuo pene.

Non posso fare a meno di sospirare di piacere e le mie mani brancolano per raggiungere il tuo petto e impastare i tuoi seni.

Accelero gradualmente il movimento mentre tu, lo accompagni andando e venendo muovendo il tuo bacino.

Il tuo cazzo mi riempie e mi colpisce profondamente e io ringhia ogni volta di beatitudine.

Mi chino su di te per baciarti in piena lingua. Ti divoro con i miei occhi e la mia bocca, mi nutro del tuo sapore, dei tuoi sorrisi golosi.

Mi alzo di nuovo per impalarmi meglio sul tuo cazzo. Appoggio le mie mani sul tuo petto, le mie dita impastano il tuo petto.

Mi afferri il seno con entrambe le mani, mi impasti e mi pizzichi i capezzoli con forza.

Entrambi continuiamo a spostare le nostre intimità, annidandoci l’uno nell’altro. Questa penetrazione è sempre più intensa, più ricca.

Lasciando i miei seni, le tue mani mi afferrano le natiche per sostenere i movimenti. Mi impasti vigorosamente il sedere, aiutandolo su e giù sul tuo cazzo.

I miei gemiti si trasformano in fusa di piacere. Diventi di nuovo padrone delle operazioni e stampi un tempo ancora più veloce.

Nel movimento, mi affianchi una sculacciata. Ho un piccolo sussulto di sorpresa ma il piacere di sentirti nel profondo di me è così grande.

Mi dai uno schiaffo sull’altra natica e ti incoraggio, mi eccita e mi muovo ancora di più intorno al tuo cazzo.

All’improvviso crollo, le mie gambe non sopportano più lo sforzo. Mi stendo sul tuo corpo e tu metti le tue braccia forti intorno a me. Le tue mani si rifugiano sulle mie natiche per impastarle, macinarle, schiaffeggiarle mentre continui a penetrarmi vigorosamente.

Ho seppellito il naso nella tua spalla e gemo di piacere nell’incavo del tuo orecchio.

All’improvviso, le tue mani sono curiose e mi accarezzi con decisione il sedere. Il mio corpo sta tremando, posso solo gemere un po ‘più forte.

Dopo un’ultima fragorosa sculacciata mi afferri le natiche con entrambe le mani per allargarle e con un dito accarezzi impetuosamente il mio buchino.

Il mio corpo si irrigidisce un po ‘e inizio ad ansimare.

Ne approfitti per introdurre delicatamente questo dito nel mio sedere e per accarezzarmi.

Sono sull’orlo dell’esplosione, ansimo sempre di più, il mio respiro si accorcia, il mio corpo si irrigidisce.

Incoraggiato, continui a penetrarmi con un secondo dito mentre amplifica i movimenti del tuo bacino.

Sento il tuo cazzo sbattere in profondità nella mia figa, mi riempie di piacere, in un attimo smetto di respirare, tutto il mio corpo si stringe, non riesco a muovermi….

Tu, al contrario, ampli ancora i tuoi movimenti e mi riempi del tuo sesso forte e vigoroso.

All’improvviso, sento il mio cazzo contrarsi intorno al tuo cazzo, i miei muscoli si irrigidiscono e non riesco a trattenere un grido di piacere.

Poi tutto si calma, trovo un respiro corto e agitato.

Tu, silenziosamente, hai emesso il tuo piacere nel cavo del mio corpo poi, mentre mi stringevi con tutte le tue forze, mi baci in pieno sulla bocca, gustandomi senza limiti.

Ci allontaniamo quasi a malincuore, ci allunghiamo con facilità e, dopo un sorso di acqua fredda ci sdraiamo l’uno contro l’altro, le gambe intrecciate, le braccia incrociate, le mani che si accarezzano dolcemente accompagnare questi momenti di piacere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *